SISAUpdate


Bookmark and Share

Lipidi e insufficienza cardiaca

Roberto Volpe - Servizio di prevenzione e protezione (SPP), CNR, Roma

 

Gli studi che hanno indagato il rapporto tra lipidi e insufficienza cardiaca non sempre hanno fornito risultati univoci. Velagaleti e collaboratori hanno valutato l'incidenza di insufficienza cardiaca in relazione al colesterolo-HDL e al colesterolo-non-HDL in quasi 7.000 soggetti in prevenzione primaria (la cui età media era di 44 anni e oltre la metà erano di genere femminile) partecipanti al Framingham Heart Study. Durante una media di 26 anni di follow-up, 680 soggetti (quasi la metà donne) ha sviluppato insufficienza cardiaca. Essa si è manifestata soprattutto in quei pazienti con più alto colesterolo-non-HDL (?190 mg/dL) e con basso colesterolo-HDL (<40 mg/dL negli uomini, <50 mg/dL nelle donne) versus quelli con più basso colesterolo-non-HDL (<160 mg/dL) e alto colesterolo-HDL (?55 mg/dL negli uomini e ?65 mg/dL nelle donne): 13,8% e 12,8% versus, rispettivamente, 7,9% e 6,1%. Queste differenze sono risultate statisticamente significative anche dopo diversi aggiustamenti. Sembra, quindi, che anche l'alto colesterolo-non-HDL e il basso colesterolo-HDL rappresentino, al pari del fumo, ipertensione arteriosa e diabete un fattore di rischio per lo sviluppo dell'insufficienza cardiaca, indipendentemente dall'associazione con la malattia coronarica. Va aggiunto, ad apparente supporto di questa affermazione, che nei pazienti con alto colesterolo-non-HDL e basso colesterolo-HDL vi era anche un maggior numero di soggetti che erano in trattamento con farmaci in grado di prevenire l'insufficienza cardiaca (beta-bloccanti, diuretici, ACE-inibitori). Inoltre, altri studi (Kannel) hanno evidenziato come anche un elevato rapporto colesterolo totale/colesterolo-HDL o un elevato rapporto apoB/apoA1 o alti valori di trigliceridi e bassi valori di colesterolo-HDL si dimostrino fattori di rischio dell'insufficienza cardiaca.
Tra i possibili meccanismi d'azione va considerato che sia l'alto colesterolo che il basso colesterolo-HDL comportano una situazione pro-infiammatoria (al contrario, le HDL svolgono un'azione anti-infiammatoria). Inoltre, ci sono dati che dimostrano come in pazienti con alto colesterolo e basso colesterolo-HDL si hanno valori di pressione arteriosa più alti, un aumento della rigidità arteriosa, una ridotta compliance vascolare, una alterata funzione diastolica e un aumento della massa ventricolare sinistra.
Wojnicz (Am J Cardiol 2006) ha evidenziato che in pazienti ipercolesterolemici con insufficienza cardiaca non secondaria a malattia coronarica, trattati con atorvastatina si è ottenuto un miglioramento dell'insufficienza cardiaca. Ciò avrebbe un'importante ricaduta clinica nei pazienti sottoposti a terapia ipolipemizzante per il possibile doppio vantaggio terapeutico (prevenzione della malattia coronarica e miglioramento dell'insufficienza cardiaca). Tuttavia, sia lo studio CORONA (Controlled Rosuvastatin Multinational Trial in Heart Failure) che lo studio GISSI-HF (Gruppo Italiano per lo Studio della Sopravvivenza nell'Insufficienza Cardiaca), entrambi condotti con la rosuvastatina in pazienti con insufficienza cardiaca (nel CORONA secondaria a cause ischemiche), non hanno ottenuto un miglioramento di tale patologia.
L'insieme di questi studi sembra suggerire che l'alto colesterolo-non-HDL e il basso colesterolo-HDL rappresentino un fattore di rischio per lo sviluppo dell'insufficienza cardiaca e che l'impiego delle statine può condurre a un duplice vantaggio preventivo-terapeutico, in modo particolare nei soggetti esenti da insufficienza cardiaca secondaria a danno miocardico.

 

Relations of lipid concentrations to heart failure incidence: the Framingham Heart Study

Velagaleti RS, Massaro J, Vasan RS, Robins SJ, Kannel WB, Levy D.

Circulation 2009;120:2345-51

 

 

 

Area Soci

Eventi

31° Congresso Nazionale


31° Congresso Nazionale

Palermo, 19-21 novembre 2017
Programma completo

[continua a leggere]

Congresso SISA Sezione Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta

Genova, 2 Dicembre 2017

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Campania

Napoli, 9 Novembre 2017

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Lombardia

Milano, 19-21 Ottobre 2017
Assegnati i premi

[continua a leggere]

Giornale Italiano Arteriosclerosi

Rivista in lingua italiana
riservata ai Soci S.I.S.A.
Ultimo numero:
Anno 8 • N.4/2017

[continua a leggere]

Rivista NMCD

Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Diseases

Istruzioni per l'accesso online

IF 2015: 3.390


Newsletter

Per essere informati sulle novità di S.I.S.A. iscrivetevi alla nostra newsletter inserendo
il vostro indirizzo di posta elettronica

Progetto LIPIGEN

LIPIGEN
Nuovo sito dedicato al Progetto LIPIGEN

 

Progetto LIPIGEN - Vecchio portale
E' necessario essere loggati come utente
Lipigen per poter accedere alla pagina

PROject Statin Intolerance SISA

 

PROSISA – PROject Statin Intolerance SISA
E' necessario essere loggati come utente
PROSISA per poter accedere alla pagina

GILA - Lipoprotein Aferesi

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Accesso Gruppo GILA-Lipoprotein Aferesi)

E' necessario essere loggati come utente del Gruppo GILA per poter accedere

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Documentazione ad accesso libero)

Pagina informativa per medici e pazienti