SISANews


Bookmark and Share

Efficacia terapeutica di Alirocumab sulla dislipidemia diabetica

 

La classica triade lipidica nei pazienti diabetici è caratterizzata da bassi valori di HDL, elevati valori di trigliceridi e spesso valori di colesterolo LDL nella norma, LDL che però sono qualitativamente piccole e dense e perciò maggiormente aterogene. L’uso del colesterolo non-HDL potrebbe essere un target per valutare l’efficacia di una terapia ipolipemizzante nei pazienti diabetici, considerando che il colesterolo non-HDL è indicato peraltro come obiettivo secondario dalle linee guida ESC/EAS 2016 nella dislipidemia diabetica.
In questo studio gli autori hanno confrontato l’associazione con la massima dose di statina tollerata o di Alirocumab, inibitore di PCSK9, o di altri farmaci (fenofibrato, ezetimibe, Omega3, acido nicotinico o nessun tipo di farmaco) in pazienti diabetici ad alto rischio cardiovascolare con colesterolo non-HDL ≥ 100 mg/dl e trigliceridemia ≥ 150 mg/dl ma inferiore a 500 mg/dl. Dopo 24 settimane nei pazienti in terapia con Alirocumab il colesterolo non-HDL si è ridotto in media del 32,5% rispetto ai pazienti non in terapia o in terapia con altri farmaci (UC). Una significativa differenza è stata osservata anche per il colesterolo LDL (-43,0%), apolipoproteina B (-32,3%), colesterolo totale (-24.6%) e nel numero di particelle LDL (-37,8%). La trigliceridemia si è ridotta rispetto al basale in entrambi i gruppi di pazienti senza una differenza tra i pazienti in terapia con Alirocumab rispetto ai pazienti in UC.
Non è stata osservata nessuna variazione significativa dei valori di emoglobina glicata e in entrambi i gruppi non è stato necessario un aggiustamento della terapia ipoglicemizzante.
Gli autori quindi concludono che Alirocumab è risultato superiore alle altre terapie nel ridurre il colesterolo non-HDL e che il farmaco è risultato ben tollerato.

 

Alirocumab vs usual lipid-lowering care as add-on to statin therapy in individuals with type 2 diabetes and mixed dyslipidaemia: The ODYSSEY DM-DYSLIPIDEMIA randomized trial

Ray KK, Leiter LA, Müller-Wieland D, Cariou B, Colhoun HM, Henry RR, Tinahones FJ, Bujas-Bobanovic M, Domenger C, Letierce A, Samuel R, Del Prato S

Diabetes Obes Metab 2018;20:1479-1489

 

AIM: To compare alirocumab, a proprotein convertase subtilisin-kexin type 9 inhibitor, with usual care (UC) in individuals with type 2 diabetes (T2DM) and mixed dyslipidaemia not optimally managed by maximally tolerated statins in the ODYSSEY DM-DYSLIPIDEMIA trial (NCT02642159).
MATERIALS AND METHODS: The UC options (no additional lipid-lowering therapy; fenofibrate; ezetimibe; omega-3 fatty acid; nicotinic acid) were selected prior to stratified randomization to open-label alirocumab 75 mg every 2 weeks (with increase to 150 mg every 2 weeks at week 12 if week 8 non-HDL cholesterol concentration was ≥2.59 mmol/L [100 mg/dL]) or UC for 24 weeks. The primary efficacy endpoint was percentage change in non-HDL cholesterol from baseline to week 24.
RESULTS: The randomized population comprised 413 individuals (intention-to-treat population, n = 409; safety population, n = 412). At week 24, the mean non-HDL cholesterol reductions were superior with alirocumab (-32.5% difference vs UC, 97.5% confidence interval -38.1 to -27.0; P < .0001). Overall, 63.6% of alirocumab-treated individuals were maintained on 75 mg every 2 weeks. Alirocumab also reduced LDL cholesterol (-43.0%), apolipoprotein B (-32.3%), total cholesterol (-24.6%) and LDL particle number (-37.8%) at week 24 vs UC (all P < .0001). Consistent with the overall trial comparison, alirocumab reduced non-HDL cholesterol to a greater degree within each UC stratum at week 24. The incidence of treatment-emergent adverse events was 68.4% (alirocumab) and 66.4% (UC). No clinically meaningful effect on glycated haemoglobin, or change in number of glucose-lowering agents, was seen.
CONCLUSIONS: In individuals with T2DM and mixed dyslipidaemia on maximally tolerated statin, alirocumab showed superiority to UC in non-HDL cholesterol reduction and was generally well tolerated.

 

Diabetes Obes Metab 2018;20:1479-1489

 

Area Soci

Eventi

32° Congresso Nazionale


32° Congresso Nazionale

Bologna, 25-27 novembre 2018
Programma preliminare

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Piemonte-Liguria-Val d'Aosta

Pollenzo, Bra (CN), 13 Ottobre 2018

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Campania

Napoli, 11 Ottobre 2018

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Lombardia

Milano, 4-6 Ottobre 2018
Abstract deadline 7 Settembre

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Emilia Romagna

Modena, 29 Settembre 2018
Abstract deadline 6 Settembre

[continua a leggere]

Giornale Italiano Arteriosclerosi

Rivista in lingua italiana
riservata ai Soci S.I.S.A.
Ultimo numero:
Anno 9 • N.2/2018

[continua a leggere]

Rivista NMCD

Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Diseases

Istruzioni per l'accesso online

IF 2016: 3.679


Newsletter

Per essere informati sulle novità di S.I.S.A. iscrivetevi alla nostra newsletter inserendo
il vostro indirizzo di posta elettronica

Progetto LIPIGEN

LIPIGEN
Nuovo sito dedicato al Progetto LIPIGEN

 

Progetto LIPIGEN - Vecchio portale
E' necessario essere loggati come utente
Lipigen per poter accedere alla pagina

PROject Statin Intolerance SISA

 

PROSISA – PROject Statin Intolerance SISA
E' necessario essere loggati come utente
PROSISA per poter accedere alla pagina

GILA - Lipoprotein Aferesi

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Accesso Gruppo GILA-Lipoprotein Aferesi)

E' necessario essere loggati come utente del Gruppo GILA per poter accedere

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Documentazione ad accesso libero)

Pagina informativa per medici e pazienti