SISANews


Bookmark and Share

L'effetto dell'atorvastatina sulla stabilizzazione della placca è maggiore se la placca è instabile

 

Se la placca è instabile, la probabilità di un evento coronarico è alta. Con adatte metodiche, quali l'ultrasonografia intracoronarica e l'angiografia è possibile stimare la vulnerabilità della placca ed è proprio questo che hanno fatto i ricercatori giapponesi in uno studio condotto su 29 pazienti ipercolesterolemici e coronaropatici. Tutti i pazienti sono stati trattati con atorvastatina alla dose di 10-20 mg per 80 settimane. Sia nei pazienti inizialmente classificati nel gruppo "placca vulnerabile" sia in quelli con "placca più stabile", si è rilevata una significativa regressione del volume della placca, ma in quelli del primo gruppo l'effetto di stabilizzazione della placca si è rivelato più efficiente. La precoce stabilizzazione delle placche vulnerabili e la continua regressione del loro volume può spiegare la riduzione degli aventi coronarici in corso di terapia con atorvastatina.

 

Plaque-stabilizing effect of atorvastatin is stronger for plaques evaluated as more unstable by angioscopy and intravenous ultrasound

Hirayama A, Saito S, Ueda Y, Takayama T, Honye J, Komatsu S, Yamaguchi O, Li Y, Yajima J, Nanto S, Takazawa K, Kodama K.

Circ J 2011;75:1448-54

 

The aim of this study was to compare the effect of atorvastatin treatment on high-grade yellow coronary plaques (grade = 2, group H) vs. low-grade yellow plaques (grade = 1, group L).
METHODS AND RESULTS:
Twenty-nine hypercholesterolemic patients with coronary heart disease were treated with atorvastatin (10-20mg/day) for 80 weeks and were divided into 2 groups by baseline plaque color grade. The angioscopic plaque grade and the vessel, plaque, and luminal volumes were measured by intravascular ultrasound at baseline and in weeks 28 and 80. The plaque color grade decreased significantly from baseline to weeks 28 and 80 in group H (2.27 ± 0.48, 1.47 ± 0.75, and 1.55 ± 0.86, respectively), but not significantly in group L (0.90 ± 0.31, 0.83 ± 0.61, and 0.89 ± 0.56, respectively). The plaque volume of group HP was greater than that of group LP (respectively 158.0 ± 45.8 vs. 107.5 ± 21.9 mm(3) at baseline, 144.5 ± 41.1 vs. 97.5 ± 24.8mm(3) in week 28, and 128.8 ± 31.5 vs. 87.9 ± 31.5mm(3) in week 80 (P < 0.001 by ANCOVA between groups).
CONCLUSIONS:
The plaque-stabilizing effect of atorvastatin was stronger for more vulnerable plaques with a higher color grade, although regression of plaque during atorvastatin therapy was noted irrespective of plaque vulnerability.

 

 

Circ J 2011;75:1448-54

 

Area Soci

Eventi

31° Congresso Nazionale 2017


31° Congresso Nazionale 2017

Palermo, 19-21 novembre 2017
Programma completo

[continua a leggere]

Congresso SISA Sezione Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta

Genova, 2 Dicembre 2017

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Campania

Napoli, 9 Novembre 2017

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Lombardia

Milano, 19-21 Ottobre 2017
Assegnati i premi

[continua a leggere]

Giornale Italiano Arteriosclerosi

Rivista in lingua italiana
riservata ai Soci S.I.S.A.
Ultimo numero:
Anno 8 • N.4/2017

[continua a leggere]

Rivista NMCD

Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Diseases

Istruzioni per l'accesso online

IF 2015: 3.390


Newsletter

Per essere informati sulle novità di S.I.S.A. iscrivetevi alla nostra newsletter inserendo
il vostro indirizzo di posta elettronica

Progetto LIPIGEN

LIPIGEN
Nuovo sito dedicato al Progetto LIPIGEN

 

Progetto LIPIGEN - Vecchio portale
E' necessario essere loggati come utente
Lipigen per poter accedere alla pagina

PROject Statin Intolerance SISA

 

PROSISA – PROject Statin Intolerance SISA
E' necessario essere loggati come utente
PROSISA per poter accedere alla pagina

GILA - Lipoprotein Aferesi

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Accesso Gruppo GILA-Lipoprotein Aferesi)

E' necessario essere loggati come utente del Gruppo GILA per poter accedere

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Documentazione ad accesso libero)

Pagina informativa per medici e pazienti