SISAUpdate


Bookmark and Share

Acido nicotinico, colesterolo-HDL e rischio cardiovascolare: lo Studio AIM HIGH

Stefania Negri, Elisa Tosini, Giovanni B. Vigna - Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università di Ferrara

 

Un considerevole numero di studi osservazionali ha evidenziato che bassi livelli di C-HDL si associano ad un aumento del rischio di eventi cardiovascolari in uomini e donne, indipendentemente dai livelli di C-LDL. Pochi sono tuttavia i dati relativi agli studi di intervento con farmaci. Un recente lavoro pubblicato sul 'New England Journal of Medicine' (dicembre 2011) si propone come particolarmente interessante e significativo a questo riguardo: l'Atherothrombosis Intervention in Metabolic Syndrome with Low HDL/High Triglycerides: Impact on Global Health (AIM-HIGH). Tale studio ha valutato l'efficacia dell'acido nicotinico (niacina) nel ridurre il rischio cardiovascolare di soggetti che già avevano presentato manifestazioni cliniche di aterosclerosi e con dislipidemia aterogena (basse HDL, elevati trigliceridi ed LDL small-dense). E' stato sponsorizzato dal National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI), organizzazione no-profit governativa statunitense, e non da Aziende farmaceutiche private. Come segnalato in precedenza su SISA-Update, questo stesso organismo promotore ha interrotto prematuramente lo studio AIM-HIGH (con 18 mesi d'anticipo) per la mancata evidenza di effetti favorevoli e un possibile incremento di eventi avversi. Oggi, con la pubblicazione del Trial e la presenza di ben 2 editoriali di accompagnamento, possiamo conoscerne meglio i risultati e insieme considerare le possibili ragioni del suo insuccesso.
Nello studio AIM-HIGH sono stati arruolati 3.414 soggetti con oltre 45 anni di età, provenienti da Stati Uniti e Canada con coronaropatia stabile documentata, malattia cerebrovascolare/carotidea o arteriopatia periferica. Essi erano in gran parte già trattati con statine per controllare i livelli di C LDL; venivano randomizzati tra placebo (n=1696) e niacina a rilascio prolungato (Niaspan) con un graduale incremento del dosaggio fino a 2.000 mg/die ( n=1.718 ). Tutti assumenvano inoltre Simvastatina ed eventualmente ezetimibe al fine di raggiungere livelli target di C-LDL nel range di 40-80 mg/dl. Durante i 32 mesi di follow-up i partecipanti trattati con alte dosi di niacina (e concomitante statina/ezetimibe) presentavano un incremento del C-HDL (+ 25%) e una riduzione dei livelli di trigliceridi (-28.6 %) e C-LDL (-12.0%) rispetto ai partecipanti che stavano assumendo solo statina (+9.8%, -8.1% e -5.5%, rispettivamente). Tuttavia, il trattamento combinato non è risultato in grado di ridurre il numero di infarti miocardici totali, ictus, ricoveri per sindrome coronarica acuta o le procedure di rivascolarizzazione coronarica e carotidea (end-point primario). In particolare il numero di questi eventi risultava del 16.4% e 16.2% nel gruppo in trattamento e in quello placebo rispettivamente. Si è inoltre osservata una maggior incidenza di ictus ischemico (1.6 %) tra i partecipanti che stavano assumendo niacina rispetto al gruppo di controllo (0.7 %).
Cosa concludere? E' necessario considerare che sussistono alcuni problemi in rapporto allo studio in questione: la scarsa numerosità dei soggetti arruolati il cui numero previsto era basato su una stima ottimistica della riduzione del rischio relativo di eventi (-25%); i bassi livelli di C-LDL raggiunti nel corso dello studio, che potrebbero aver impedito di osservare benefici in rapporto ad un (modesto) incremento del C-HDL. I dati relativi al moderato eccesso di ictus sembrano dovuti al semplice caso: in possibile rapporto alla mancata correzione statistica per confronti multipli (es. test di Bonferroni); 8 episodi (tutti nel gruppo niacina) si sono verificati in soggetti che avevano interrotto il farmaco da almeno 2 mesi prima dell'evento ictale e dunque non in chiara correlazione con l'utilizzo del farmaco; mai prima studi o metanalisi in soggetti trattati con niacina avevano evidenziato tale effetto; non sono stati proposti meccanismi patogenetici interpretativi. Ciononostante i risultati sconfortanti del trial non suggeriscono l'indicazione clinica dell'aggiunta di niacina in soggetti con manifestazioni di aterosclerosi trattati a target con statine.
Precedenti studi con niacina avevano lasciato intravvedere risultati più favorevoli. Nel Coronary Drug Project, ad esempio, soggetti con precedente infarto avevano ottenuto una riduzione di eventi cardio e cerebrovascolari non fatali di circa il 25% con l'uso di tale farmaco, ma si tratta di trial condotti prima dell'introduzione in farmacoterapia delle statine, e non è possibile attribuire specificamente gli effetti osservati all'incremento di C-HDL o alla riduzione (significativa) di C-LDL.
E' certamente interessante osservare come gli sforzi volti alla ricerca di trattamenti in grado di incrementare i livelli di C-HDL, riducendo consensualmente il rischio cardiovascolare, non siano andati finora a buon fine. Analogo destino, pur con diverse sfumature, ha riguardato il fenofibrato (Fulcro, Lipofene) incapace a ridurre il tasso di eventi cardiovascolari nei pazienti (diabetici) dello studio ACCORD, e il Torcetrapib (inibitore dell'enzima CETP) nello studio ILLUMINATE.
Forse alcuni sottogruppi di pazienti potrebbero beneficiare dell'utilizzo di niacina (intolleranti alle statine; affetti da iperLp[a]lipoproteinemia; nella fase immediatamente successiva ad un evento cardiovascolare acuto; incapaci di raggingere il target di C-LDL; ”¦) ma ciò rimane per ora pura congettura. Fortunatamente un altro più ampio studio condotto con niacina (HPS2-THRIVE) è in fase di conclusione. Data l'ampia dimensione campionaria (25.000 soggetti) esso consentirà auspicabilmente di verificare i risultati dello studio AIM-HIGH e di espandere le conoscenze sul trattamento dei soggetti dislipidemici ad elevato rischio cardiovascolare.

 

 

 

Niacin in Patients with Low HDL Cholesterol Levels Receiving Intensive Statin Therapy
AIM-HIGH Investigators, Boden WE, Probstfield JL, Anderson T, Chaitman BR, Desvignes-Nickens P, Koprowicz K, McBride R, Teo K, Weintraub W.

N Engl J Med 2011;365:2255-2267

 

Niacin at 56 Years of Age ”” Time for an Early Retirement?
Giugliano RP.
N Engl J Med 2011;365:2318-2320 - Editorial

 

Needed: Pragmatic Clinical Trials for Statin-Intolerant Patients
Maningat P, Breslow JL.
N Engl J Med 2011;365:2250-2251 - Perspective

 

 

 

Area Soci

Eventi

31° Congresso Nazionale 2017


31° Congresso Nazionale 2017

Palermo, 19-21 novembre 2017
Programma completo

[continua a leggere]

Congresso SISA Sezione Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta

Genova, 2 Dicembre 2017

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Campania

Napoli, 9 Novembre 2017

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Lombardia

Milano, 19-21 Ottobre 2017
Assegnati i premi

[continua a leggere]

Giornale Italiano Arteriosclerosi

Rivista in lingua italiana
riservata ai Soci S.I.S.A.
Ultimo numero:
Anno 8 • N.4/2017

[continua a leggere]

Rivista NMCD

Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Diseases

Istruzioni per l'accesso online

IF 2015: 3.390


Newsletter

Per essere informati sulle novità di S.I.S.A. iscrivetevi alla nostra newsletter inserendo
il vostro indirizzo di posta elettronica

Progetto LIPIGEN

LIPIGEN
Nuovo sito dedicato al Progetto LIPIGEN

 

Progetto LIPIGEN - Vecchio portale
E' necessario essere loggati come utente
Lipigen per poter accedere alla pagina

PROject Statin Intolerance SISA

 

PROSISA – PROject Statin Intolerance SISA
E' necessario essere loggati come utente
PROSISA per poter accedere alla pagina

GILA - Lipoprotein Aferesi

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Accesso Gruppo GILA-Lipoprotein Aferesi)

E' necessario essere loggati come utente del Gruppo GILA per poter accedere

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Documentazione ad accesso libero)

Pagina informativa per medici e pazienti