Novità


Bookmark and Share

News dall'AHA 2014: lo studio IMPROVE-IT dimostra il beneficio dell'aggiunta di ezetimibe a simvastatina in prevenzione secondaria

 

 

Al Congresso dell'AHA a Chicago è stato presentato lo studio IMPROVE-IT, a lungo atteso dalla comunità scientifica internazionale.
Lo studio, progettato per verificare se ezetimibe in aggiunta a simvastatina riduca gli eventi cardiovascolari nei pazienti dopo sindrome coronarica acuta (ACS), ha arruolato un totale di 18.000 pazienti. Il trial, randomizzato, prevedeva che i pazienti fossero trattati con simvastatina 40 mg o simvastatina 40 mg+ezetimibe 10 mg. Per i pazienti che non raggiungevano il target di 80 mg/dL di colesterolo LDL, il dosaggio di simvastatina è stato innalzato a 80 mg: quelli che ne hanno necessitato sono stati il 27% dei pazienti trattati con sola simvastatina e il 6% di quelli trattati con l'associazione ezetimibe/simvastatina. Durante lo studio si sono verificati 5250 eventi CVD. Il valore medio dei livelli di colesterolo LDL è stata di 69,5 mg/dL nel gruppo trattato con sola simvastatina e 53,7 mg/dL nel gruppo trattato con terapia di combinazione.

L'end point primario era un end point combinato di morte cardiovascolare, IM, angina instabile, rivascolarizzazione coronarica e ictus. Nel gruppo trattato con terapia di combinazione ci sono stati 170 casi in meno (32,7% vs 34,7%; p=0,016). E' stato calcolato in 50 il numero di pazienti da trattare (NNT) per prevenire un evento. Il follow up è stato di 6 anni e in entrambi i gruppi il 42% dei pazienti ha sospeso il trattamento prima della fine dello studio. I risultati si avvicinano a quanto previsto nel disegno dello studio e la riduzione del rischio, in base a studi precedenti, è quella attesa dalla riduzione del colesterolo LDL.

Da questa prima presentazione dei risultati dello studio si può concludere che nei pazienti che hanno subito un ACS si ha un beneficio aggiungendo ezetimibe alla terapia con statine, anche a livelli di LDL inferiori ai target delle attuali linee guida. I risultati permettono di affermare che la riduzione delle LDL è fondamentale nella prevenzione cardiovascolare e questo studio supporta la definizione di un target per le LDL nelle linee guida.
Per capire come i risultati di IMPROVE-IT potranno influenzare gli orientamenti futuri, appare opportuno attendere un'ulteriore analisi dei dati.

 

 

Tratto dal commento pubblicato sul sito dell'European Atherosclerosis Society

 

 

IMProved Reduction of Outcomes: Vytorin Efficacy International Trial
Slide della presentazione di C.P. Cannon

 

 

 

 

Area Soci

Eventi

31° Congresso Nazionale


31° Congresso Nazionale

Palermo, 19-21 novembre 2017
Programma completo

[continua a leggere]

Congresso SISA Sezione Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta

Genova, 2 Dicembre 2017

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Campania

Napoli, 9 Novembre 2017

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Lombardia

Milano, 19-21 Ottobre 2017
Assegnati i premi

[continua a leggere]

Giornale Italiano Arteriosclerosi

Rivista in lingua italiana
riservata ai Soci S.I.S.A.
Ultimo numero:
Anno 8 • N.4/2017

[continua a leggere]

Rivista NMCD

Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Diseases

Istruzioni per l'accesso online

IF 2015: 3.390


Newsletter

Per essere informati sulle novità di S.I.S.A. iscrivetevi alla nostra newsletter inserendo
il vostro indirizzo di posta elettronica

Progetto LIPIGEN

LIPIGEN
Nuovo sito dedicato al Progetto LIPIGEN

 

Progetto LIPIGEN - Vecchio portale
E' necessario essere loggati come utente
Lipigen per poter accedere alla pagina

PROject Statin Intolerance SISA

 

PROSISA – PROject Statin Intolerance SISA
E' necessario essere loggati come utente
PROSISA per poter accedere alla pagina

GILA - Lipoprotein Aferesi

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Accesso Gruppo GILA-Lipoprotein Aferesi)

E' necessario essere loggati come utente del Gruppo GILA per poter accedere

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Documentazione ad accesso libero)

Pagina informativa per medici e pazienti