Novità


Bookmark and Share

La commissione europea approva Kanuma (sebelipasi alfa)

 

1 settembre 2015 - la Commissione Europea ha approvato Kanuma (sebelipasi alfa), con indicazione per la terapia enzimatica sostitutiva a lungo termine (long-term enzyme replacement therapy, ERT) nei pazienti di tutte le età affetti da deficit della lipasi acida lisosomiale (LAL-D). Kanuma, una nuova ERT, è il primo trattamento approvato nell'Unione Europea per pazienti affetti da questa patologia. La decisione segue il parere positivo espresso dal Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) nello scorso giugno.

La LAL-D è una malattia metabolica genetica estremamente rara (interessa meno di 20 su un milione di persone), cronica e progressiva, associata a rilevante morbilità e mortalità precoce. Nei pazienti affetti da LAL-D, le mutazioni genetiche portano a riduzione o perdita dell'attività dell'enzima LAL, con conseguente notevole accumulo di trigliceridi ed esteri del colesterolo, che risulta in danni progressivi e multisistemici, compresi fibrosi, cirrosi, insufficienza epatica, aterosclerosi accelerata e malattie cardiovascolari.

La sebelipasi alfa, prodotto dell'ingegneria genetica, è la forma sintetica dell'enzima mancante nel deficit della lipasi acida lisosomiale. L'approvazione di Kanuma nell'UE si è basata su dati provenienti da due studi clinici e uno studio di estensione in aperto comprendente pazienti in età neonatale, pediatrica e adulta affetti da LAL-D. I risultati hanno mostrato vantaggi notevoli in termini di sopravvivenza oltre 12 mesi (67%) nei pazienti affetti da forma neonatale di LAL-D, rispetto a 0% su pazienti in una coorte storica non trattata. Nei pazienti pediatrici e adulti, il trattamento ha portato alla normalizzazione della ALT, alla riduzione del contenuto di lipidi nel fegato e altri marcatori di danni epatici rispetto al placebo, oltre a notevole miglioramento degli accumuli lipidici. In pazienti che hanno ricevuto Kanuma durante il periodo in doppio cieco e successivamente sono entrati nel periodo di estensione in aperto, le riduzioni nei livelli di ALT sono state mantenute e si sono verificati ulteriori miglioramenti nei livelli di colesterolo LDL e HDL.

Le reazioni avverse più gravi riscontrate nel corso degli studi clinici sono state segni e sintomi compatibili con l'anafilassi, come dolore toracico, arrossamento degli occhi, dispnea, rash generalizzato con prurito, iperemia, leggero edema palpebrale, rinorrea, gravi problemi respiratori, tachicardia, tachipnea e orticaria.

 

 

 

Area Soci

Eventi

31° Congresso Nazionale


31° Congresso Nazionale

Palermo, 19-21 novembre 2017
Programma completo

[continua a leggere]

Congresso SISA Sezione Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta

Genova, 2 Dicembre 2017

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Campania

Napoli, 9 Novembre 2017

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Lombardia

Milano, 19-21 Ottobre 2017
Assegnati i premi

[continua a leggere]

Giornale Italiano Arteriosclerosi

Rivista in lingua italiana
riservata ai Soci S.I.S.A.
Ultimo numero:
Anno 8 • N.4/2017

[continua a leggere]

Rivista NMCD

Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Diseases

Istruzioni per l'accesso online

IF 2015: 3.390


Newsletter

Per essere informati sulle novità di S.I.S.A. iscrivetevi alla nostra newsletter inserendo
il vostro indirizzo di posta elettronica

Progetto LIPIGEN

LIPIGEN
Nuovo sito dedicato al Progetto LIPIGEN

 

Progetto LIPIGEN - Vecchio portale
E' necessario essere loggati come utente
Lipigen per poter accedere alla pagina

PROject Statin Intolerance SISA

 

PROSISA – PROject Statin Intolerance SISA
E' necessario essere loggati come utente
PROSISA per poter accedere alla pagina

GILA - Lipoprotein Aferesi

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Accesso Gruppo GILA-Lipoprotein Aferesi)

E' necessario essere loggati come utente del Gruppo GILA per poter accedere

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Documentazione ad accesso libero)

Pagina informativa per medici e pazienti