Novità


Bookmark and Share

"Colesterolo, una questione di famiglia", presentata l'indagine di Cittadinanzattiva

 

Lo scorso 26 novembre sono stati presentati i risultati emersi dall'indagine civica "Colesterolo, una questione di famiglia", condotta da Cittadinanzattiva, tramite le sue reti del Tribunale per i diritti del malato e del Cnamc (Coordinamento nazionale delle associazioni dei malati cronici), con il supporto di alcune società scientifiche tra cui la SISA, e realizzata con il contributo non condizionato di Sanofi. L'indagine, effettuata attraverso questionari ai cittadini tramite il sito internet o la somministrazione diretta, aveva l'obiettivo di rilevare il livello di consapevolezza relativo alla ipercolesterolemia familiare e ai suoi rischi, nonché la qualità delle cure ricevute e le criticità nella gestione dei sintomi.

 

Dall'analisi di 1317 questionari completati e validi per la rilevazione, è emerso che gli intervistati, prevalentemente donne (61%) e con età compresa tra 30 e 41 anni (49%), presentano problemi di colesterolo elevato: il 37% dichiara di essere affetto da ipercolesterolemia, oltre il 27% da ipercolesterolemia familiare. Un terzo del campione identifica correttamente le dislipidemie come malattie legata al sovrappeso; il 45% associa l'ipercolesterolemia familiare a una elevata concentrazione di colesterolo nel sangue ma solo il 35% sa che è di origine genetica.

 

Più di un intervistato su dieci dichiara di aver avuto il primo sospetto della patologia in maniera quasi autonoma, cercando sul web, reperendo informazioni in tv o sui giornali, e il 40% grazie al fatto di avere un familiare già affetto, mentre il 29% è stato diagnosticato dal medico di famiglia; meno del 2% ha avuto diagnosi in età infantile grazie al pediatra di famiglia.

 

Dopo la prima diagnosi, il 60% afferma che i familiari sono stati sottoposti ad esami diagnostici, ma un 15% dichiara che il proprio medico non ha ritenuto necessaria l'estensione della valutazione a tutta la famiglia. Inoltre, se il 42% considera esaustive le informazioni sulla patologia ricevute alla diagnosi, il 21% ritiene che il personale sanitario sia stato sbrigativo.

 

Il 23% dei pazienti diagnosticati resta però senza una terapia; tra i pazienti trattati, l'83% riceve una terapia farmacologica, mentre non allo stesso modo viene prescritta la dieta (68%) e l'attività fisica (66%).

 

Oltre un paziente su tre afferma di aver difficoltà a individuare uno specialista e quasi il 39% dichiara che c'è poca collaborazione tra specialista e medico di famiglia. Inoltre, più di un paziente su quattro lamenta la carenza di reparti o centri specialistici e uno su cinque eccessivi tempi di attesa. Il 15% segnala che l'esenzione non copre tutte le prestazioni sanitarie necessarie e il 18% ritiene il carico assistenziale troppo oneroso. Meno del 2% ha partecipato a corsi di formazione per la gestione della patologia; inoltre il 23% dichiara di aver avuto difficoltà a monitorare la malattia, per liste di attesa troppo lunghe (45%), o perché gli esami sono a pagamento (25%). Il 16% lamenta il costo eccessivo della terapia farmacologica. Per quanto riguarda le difficoltà non prettamente cliniche, al primo posto viene segnalata la burocrazia (17%), quindi la mancanza di sostegno psicologico (9%) e l'impatto della malattia sul lavoro e la vita privata (8%).

 

Rispetto alla prevenzione, un intervistato su due dichiara di riscontrare difficoltà nello svolgere una regolare attività fisica, circa il 42% a seguire una corretta alimentazione e il 18% ad abbandonare l'abitudine al fumo; le spiegazioni principalmente riportate riguardano la fatica nel modificare abitudini consolidate, la scarsa motivazione e l'onere economico. La prevenzione, dunque, pare affidata alla buona volontà del singolo e non incentivata né sotto il profilo formativo e informativo, né sotto il profilo economico o psicologico.

 

Sulla base di questi dati, che confermano numerose difficoltà nella diagnosi e nella gestione dell'ipercolesterolemia familiare, Cittadinanzattiva indica alcune strategie prioritarie, tra cui la promozione di attività di informazione e formazione rivolte ai professionisti sanitari e alla popolazione generale, l'incentivazione fin dalla prima infanzia di campagne di promozione ed educazione ai corretti stili di vita e la definizione di un Percorso Diagnostico-terapeutico Assistenziale di riferimento nazionale, che garantisca diagnosi precoce, continuità assistenziale, presa in carico, prevenzione delle complicazione e riduzione della variabilità clinica.

 

 

 

I risultati completi dell'indagine

 

 

Area Soci

Eventi

31° Congresso Nazionale


31° Congresso Nazionale

Palermo, 19-21 novembre 2017
Programma completo

[continua a leggere]

Congresso SISA Sezione Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta

Genova, 2 Dicembre 2017

[continua a leggere]

Congresso Regionale SISA Sezione Campania

Napoli, 9 Novembre 2017

[continua a leggere]

Giornale Italiano Arteriosclerosi

Rivista in lingua italiana
riservata ai Soci S.I.S.A.
Ultimo numero:
Anno 8 • N.4/2017

[continua a leggere]

Rivista NMCD

Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Diseases

Istruzioni per l'accesso online

IF 2015: 3.390


Newsletter

Per essere informati sulle novità di S.I.S.A. iscrivetevi alla nostra newsletter inserendo
il vostro indirizzo di posta elettronica

Progetto LIPIGEN

LIPIGEN
Nuovo sito dedicato al Progetto LIPIGEN

 

Progetto LIPIGEN - Vecchio portale
E' necessario essere loggati come utente
Lipigen per poter accedere alla pagina

PROject Statin Intolerance SISA

 

PROSISA – PROject Statin Intolerance SISA
E' necessario essere loggati come utente
PROSISA per poter accedere alla pagina

GILA - Lipoprotein Aferesi

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Accesso Gruppo GILA-Lipoprotein Aferesi)

E' necessario essere loggati come utente del Gruppo GILA per poter accedere

 

Gruppo Interdisciplinare Lipoprotein Aferesi
(Documentazione ad accesso libero)

Pagina informativa per medici e pazienti